Credito di imposta beni strumentali: sfrutta la nuova legge di bilancio 2021

Credito di imposta sugli investimenti in "beni strumentali" nuovi: sfrutta la nuova legge di bilancio 2021.

La Legge di bilancio 2021 ha introdotto, estendendolo fino al 2022, un nuovo incentivo che consiste in un credito di imposta sull’acquisto di beni strumentali nuovi.
 
A CHI SPETTA?

Il credito d’imposta spetta a tutte le imprese e ai lavoratori autonomi residenti in Italia che effettuano investimenti in beni strumentali, destinati a strutture produttive ubicate in Italia, a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2022.

A QUANTO AMMONTA IL CREDITO?

  • in caso di investimenti effettuati dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2021 (ovvero fino al 30 giugno 2022, se entro il 31 dicembre 2021 l’ordine è stato accettato dal venditore ed è stato pagato almeno il 20% del prezzo), 10% del costo, su un importo massimo di 2 milioni di euro per i beni materiali e di 1 milione per i beni immateriali.
  • in caso di investimenti effettuati dal 1° gennaio e fino al 31 dicembre 2022 (ovvero fino al 30 giugno 2023, se entro il 31 dicembre 2022 l’ordine è stato accettato dal venditore ed è stato pagato almeno il 20% del prezzo), 6% del costo, sempre su un importo massimo di 2 milioni di euro per i beni materiali e di 1 milione per i beni immateriali.

COME SI UTILIZZA?

Il nuovo credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione tramite modello F24.

Si tratta quindi di un’agevolazione facilmente utilizzabile, ma vi sottolineiamo che le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni devono contenere l’espresso riferimento alle norme agevolative (Legge n. 178 del 30/12/2020, articolo 1, comma 1051 e seguenti), come di seguito:
"bene agevolabile ai sensi dell’articolo 1 commi da 1051 a 1063 della Legge 178/2020".
 
Se fate acquisti in Sicurtec per "beni strumentali" approfittate dell'agevolazione! 


Per gli approfondimenti sul limite massimo dei costi ammissibili e l’elenco dei beni agevolabili, vi rimandiamo al sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia delle entrate.



Torna all'inizio